Cronache dall’orto – 20

Cominciamo il nuovo anno all’insegna delle gelate e della pioggia. Non che il clima sia particolarmente avverso, ma, rispetto agli ultimi due mesi durante i quali le temperature sono state estremamente temperate per il periodo (siamo o dovremmo essere in pieno inverno, che diamine!), e la pioggia praticamente assente, questi cambiamenti non fanno che portare bene ai campi e all’orto.

Come i miei seguaci più accaniti di queste Cronache sanno, mi è stato anche regalato il calendario di Barbanera, per cui potrò seguire anche i suggerimenti lì contenuti, oltre alla esperienza che mi sono fatto durante gli ultimi due anni, gestendo direttamente il mio piccolo orto.

Breve esperienza, certamente, ma che mi è stata utile per comprendere alcuni processi e, soprattutto, per gustare i prodotti che sono riuscito ad ottenere dalla coltivazione di questo piccolo appezzamento di terreno.

Qui di seguito le Cronache di Gennaio !

Venerdì 8 gennaio

Mancavo dall’orto dal 2 gennaio. Dopo alcuni giorni di pioggia (salutare e necessaria), ho aspettato che il sole e il vento asciugassero un po’ il terreno, prima di tornare nell’orto.

Ho raccolto cicoria, cime di rapa e i primi funghi della “balletta” che avevo messo nel terreno qualche settimana fa.

Le piante delle cime di rapa, con mio grande piacere, continuano a produrre, seppure a ritmi inferiori al periodo iniziale; inoltre stanno crescendo due cavoli bianchi (gli ultimi rimasti), e i cavoli neri presto saranno pronti per la raccolta. Qualche giorno in più, invece, occorrerà per i cavoli verdi che si stanno finalmente affacciando.

Tornerò tra qualche giorno per un nuovo raccolto.

Martedì 12 gennaio

Sono stato fuori sede per alcuni giorni, ed oggi sono tornato nell’orto. Le temperature assolutamente inusuali per questo periodo dell’anno (addirittura 16-17 gradi durante il giorno), hanno favorito molto la crescita delle piante e, soprattutto, dei loro frutti. Infatti ho potuto raccogliere una busta di cime di rapa, che continuano a costituire la coltivazione che mi ha dato maggiori soddisfazioni nel corso di questa stagione.

Ho raccolto anche due cavoli neri, ben cresciuti, sodi e maturi.

Anche le cicorie sono pronte per un nuovo raccolto; fra poco saranno pronti anche i cavoli bianchi e quelli verdi che cominciano ad ingrossarsi con evidenza. Per contro, nessuna novità per quanto riguarda i funghi, che la mancanza di necessaria umidità limita fortemente nella crescita.

Venerdì 15 gennaio

Preparare il campo e seminare al momento giusto, è ragione di buon successo delle colture e di positivo raccolto. Ormai me ne sono pienamente reso conto nel corso di questa tornata colturale che mi ha permesso di raccogliere in maniera praticamente continuativa, come sicuramente avrete verificato dalla lettura di queste Cronache.

Anche oggi, positivo raccolto.

Una busta di cime di rapa; tre cavoli neri e due bianchi. Le dimensioni non sono molto grandi, ma sicuramente sufficienti per le mie esigenze (e non solo).

Sono spuntate le piantine di fave; le cipolle (bianche e rosse), continuano a crescere; i cavoli verdi sono ormai quasi pronti (prevedo di raccoglierli la prossima volta).

Domenica 17 gennaio

Ieri ha piovuto. Ma il vento freddo ha rapidamente asciugato il terreno e oggi ho potuto fare una rapida corsa all’orto.

Ho raccolto due cavoli verdi (romani); uno ben cresciuto, l’altro un po’ più piccolo, ma ormai maturo; li mangeremo domani.

Martedì 19 gennaio

La gelata di questa mattina non mi ha impedito di raccogliere una busta piena di cicorie (assai tenere), ed un cavolo verde che si approssimava alla maturazione. L’orto è ormai pieno di foglie e di torsoli delle piante che ho raccolto; quando comincerò a zappare, ne utilizzerò una parte nel terreno, ma la maggior parte devo raccoglierla e portarla via.

Le piantine di cipolle e di fave crescono lentamente ma costantemente.

Venerdì 22 gennaio

Ha piovuto a sprazzi, e oggi sono potuto tornare nell’orto. Nessuna novità di rilievo, ma ho raccolto una busta di cime di rapa.

Credo proprio che, se il tempo non cambierà, la settimana prossima comincerò a zappare il terreno e a prepararlo per le colture estive.

Lunedì 25 gennaio

Ho cominciato i lavori nell’orto: ho zappato i primi otto mq. (in pratica i due terzi di un filare, quello dove pianterò i pomodori a marzo). Zappare è una cosa veramente dura, seppure con tutti gli accorgimenti del caso; ho lavorato un’ora abbondante, probabilmente continuerò domani.

Ho anche raccolto una busta di cicoria e un bel cespo di sedano.

Martedì 26 gennaio

Ho continuato la zappatura di altri quattro mq; in pratica ho finito di zappare tutto un filare. Ho anche raccolto una busta di cime di rapa e due insalate. Purtroppo con questo clima (siamo tornati a toccare i 18 gradi), le insalate crescono poco e niente !

Mercoledì 27 gennaio

Nuovamente a zappare, ho lavorato altri 8 mq. di terreno. Ho anche raccolto gli ultimi tre cavoli neri che c’erano.

Ricapitolando sui sette filari a disposizione nel mio orto, il primo (circa sei metri lineari, è libero e pronto per le piantate primaverili; nel secondo crescono fave e cipolle; nel terzo, dove c’è il limone nano e la pianta di rosmarino, ci sono i cavoli verdi che si apprestano ad essere raccolti; nel quarto alcune piante di cime di rapa, qualche insalata e la balletta di funghi (che a causa del clima non produce nulla); il quinto è occupato da alcune piante di cipolla e per il resto vuoto; il sesto è in gran parte zappato e pronto anch’esso ad essere seminato; nel settimo ed ultimo filare, per tre quarti ci sono le cime di rapa e la restante parte è vuota.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in racconto. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...