Cronache dall’orto – 30

Nel precedente scritto vi ho raccontato delle fasi di preparazione del campo e delle attività riguardanti la messa a dimora delle piantine per il raccolto primavera-estate.

Qui di seguito le fasi successive.

Sabato 22 aprile

Dopo alcuni giorni di pioggia e di freddo sono tornato all’orto: la pioggia è stata benefica per le piantine. Il freddo (fuori stagione), non sembra aver provocato molti danni, se non un rallentamento nella crescita delle piantine. Aspettiamo per vedere gli sviluppi.

Ho zappettato intorno alle piantine su cinque filari: pomodorini, insalate, peperoncini (friarelli), melanzane e peperoni. Restano altri due filari che, probabilmente, zapperò domani: cetrioli, insalate e zucchine.

Ovviamente non ho irrigato, perché il terreno è ancora abbastanza umido.

Lunedì 24 aprile

Breve passaggio all’orto: irrigato per circa tre ore.

Venerdì 5 maggio

Dopo una lunga pausa (sono stato fuori per un viaggio bello e interessante), oggi sono tornato all’orto: due ore di lavoro intenso passato a zappare intorno alle piccole piante, a liberarle dalle erbacce e, ovviamente, ad irrigarle. Sono riuscito a lavorare e a completare quattro filari, ne rimangono altri tre e poi tutti i bordi del campo e lo spazio tra i filari.

Il lavoro è pesante perché fatto tutto piegato, con la zappetta piccola, per non rovinare le piante che sono ancora piccole.

Ho perso tre o quattro piante di peperoncini (friarelli), una o due di peperoni e melanzane, una ciascuna di zucchine e cetriolo. Le piante di pomodoro, invece, hanno “preso” tutte; le ho trovate piene di infiorescenze che ho provveduto a rimuovere.

Sabato 6 maggio

Di nuovo all’orto (questa volta con l’aiuto di Tommaso); abbiamo lavorato un’ora buona a zappare, togliere erbacce e irrigare. La situazione non è cambiata rispetto ad ieri, ma questo è un lavoro che bisogna assolutamente fare, soprattutto ora che le piantine cominciano a crescere.

Giovedì 11 maggio

Mezz’ora nell’orto. Ho tolto un pò di coccinelle sulle piante di zucchine e i fiorentini alle piante di pomodorini. primi piccoli frutti cominciano a farsi vedere e ciò non è del tutto positivo. Infatti l’andamento climatico di questo periodo, piogge intense che si alternano a giornate di sole e di caldo, hanno anticipato la maturazione delle produzioni. Questo significa che la crescita delle piantine, già con i primi frutti, potrebbe bloccarsi e quindi restringere la produzione totale.

Venerdì 12 maggio

Tre ore abbondanti all’orto: ho zappato tutti i filarie ed anche lo spazio tra i filari che si erano riempiti di erbacce. Una fatica!

Irrigazione per tutto il tempo e anche oltre.

Mercoledì 17 maggio

Breve visita all’orto. Tutto in ordine (o almeno sembra). Le piantine crescono, l’irrigazione è sufficiente. Ho tolto solo qualche fiorellino ai pomodorini e schiacciato qualche coccinella sulle zucchine.

Domenica 21 maggio

Accidenti che clima! Ieri e questa mattina temporali e pioggia a dirotto, e siamo a maggio! Farà bene all’orto, oppure no? Staremo a vedere!

Mercoledì 24 maggio

Si comincia a raccogliere. Per ora solo due belle insalate (canasta), ma è pur sempre un inizio!

Venerdì 26 maggio

Altre quattro insalate (tre canasta, una riccia); la riccia rossa è davvero saporita.

Le altre piante continuano a crescere: qualche intrepido pomodorino è cominciato a spuntare, così come le prime zucchine, anche se le piante sono ancora piccole. Non so se ciò sia un bene oppure no; verificheremo tra qualche giorno.

Sabato 27 maggio

Altre due insalate raccolte (una canasta e una riccia rossa). Le altre piante crescono, il sole aiuta la maturazione dei frutti. Io ho aggiunto alcune ore di irrigazione.

Lunedì 29 maggio

Due ore all’orto. Estirpato erbacce: ne ho riempito quasi una carriola intera. Ho anche irrigato (poco) e raccolto quattro insalate (tre canasta, una riccia rossa).

Martedì 30 maggio

Di nuovo all’orto per due ore. Con l’aiuto di mia sorella abbiamo estirpato altre erbacce zappato tutto l’orto. Anche questa volta una carriola intera di erbacce.

Venerdì 16 giugno

Dopo una assenza di oltre quindici giorni (in seguito ad un piacevole viaggio in Grecia), sono tornato all’orto che, nel frattempo, è stato curato da Tommaso.

Ho trovato le piante di zucchine ben cresciute e ne ho raccolto una mezza dozzina. pronti anche i cetrioli (foggianelli) e alcuni peperoncini (friarelli), anche se, in quest’ultimo caso, le piante non sono cresciute a sufficienza, rimanendo piuttosto basse.

Ho raccolto anche due insalate (una riccia e una canasta) e i primi due pomodorini della stagione. Ho anche aperto l’acqua per l’irrigazione.

Sabato 17 giugno

Rapido salto all’orto per un po’ di irrigazione.Ne ho approfittato per raccogliere altre cinque zucchine.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in racconto. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...